Stampa questa pagina

Firmato l’accordo tra SKAO e il National Research Council del Canada

Firmato un accordo di cooperazione biennale tra l’Osservatorio SKA (SKAO) e il National Research Council (NRC) del Canada, mentre il governo considera l’adesione a SKAO. L’NRC fornirà il correlatore digitale, il “cervello” dietro il telescopio SKA in Sudafrica. L’accordo consente alle comunità scientifiche e ingegneristiche canadesi di continuare a partecipare al progetto.

Il direttore generale di SKAO Phil Diamond e il presidente del National Research Council (NRC) Iain Stewart firmano l’accordo di cooperazione durante una cerimonia online tenutasi il 24 novembre 2021

Il Canada è stato membro dell’Organizzazione SKA sin dalla sua creazione nel 2011, ed è stato coinvolto sin dagli inizi. Gli astronomi canadesi hanno considerato l’adesione al progetto SKA una priorità assoluta nei loro piani decennali Long Range del 2000, 2010 e 2020. Scienziati di tutto il paese partecipano a quasi tutti i gruppi di lavoro scientifici SKA, che spaziano dai sistemi astronomici che si teorizza siano la culla della vita, fino alle caratteristiche dell’Universo primordiale.

“Questo accordo è importante per consolidare il costante interesse del Canada nei confronti dell’Osservatorio SKA attraverso il National Research Council“, ha affermato Phil Diamond, direttore generale di SKAO. “I nostri colleghi canadesi sono stati partner chiave del progetto SKA sin dal suo inizio, con contributi significativi alla progettazione dei nostri telescopi. Non vediamo l’ora di continuare il dialogo con l’NRC e il governo canadese in merito alla loro partecipazione”.

Kristine Spekkens, direttrice scientifica della sezione SKA canadese e professoressa al Royal Military College of Canada e alla Queen’s University, ha dichiarato: il progetto SKA “consentirà agli astronomi canadesi di fare nuove importanti scoperte su come funziona l’Universo. La sinergia tra l’esperienza di quest’ultimi e le possibilità del telescopio SKA sono alla base dell’alta priorità che come comunità stiamo dando al progetto”.

Mentre un telescopio ottico cattura solo la luce visibile dello spettro elettromagnetico, i radiotelescopi rivelano la porzione radio dello spettro emessa dagli oggetti celesti. Quando vengono ricevuti dai telescopi, questi segnali distanti risultano molto deboli e nascosti dal rumore. La tecnologia canadese di elaborazione dati, sviluppata dall’Herzberg Astronomy and Astrophysics Research Center della NRC e dal partner industriale MDA, è alla base dello straordinario sforzo volto a identificare e misurare i deboli segnali nel grande flusso di dati proveniente dal telescopio SKA del Sudafrica. I contributi tecnici ai telescopi dell’Osservatorio SKA hanno diverse ricadute tecnologiche, che aiuteranno a far progredire altri settori: dai data center alle comunicazioni satellitari, alla robotica e molto altro ancora.

“L’accordo supporterà l’astronomia d’avanguardia e creerà opportunità per l’industria canadese grazie alle applicazioni in diversi ambiti come le telecomunicazioni, l’elettronica di consumo e i data center, e aprirà le porte a scoperte astronomiche rivoluzionarie”, ha affermato il presidente dell’NRC Iain Stewart. “Siamo lieti di continuare a collaborare con i nostri partner internazionali”.

Al di là della scienza e della tecnologia trasformative, gli impatti sulla società e sulle comunità sono un punto fondamentale di SKAO. In particolare, rispettare le culture indigene e le popolazioni locali e interagire positivamente con esse è stata una questione chiave per il progetto SKA sin dall’inizio. Questi principi fondamentali sono ben allineati con le priorità della comunità astronomica canadese espresse nel Long Range Plan for Canadian Astronomy del 2020.

I telescopi SKA e i suoi precursori sparsi in tutto il mondo hanno già generato impatti socio-economici in molte aree, che vanno dalla creazione di posti di lavoro per le comunità locali, alla promozione dell’istruzione e dell’astroturismo, alla celebrazione degli artisti e dell’antica saggezza culturale dei siti australiani e sudafricani attraverso la mostra di astronomia e arte indigena Shared Sky. Basandosi su questo, SKAO avrà un impatto su quattro principali aree: economia, società, sostenibilità e cultura, e contribuirà al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite.