Stampa questa pagina

Sprint finale per l’Osservatorio SKA prima del lancio ufficiale

Una copia autenticata della Convenzione dell’Osservatorio Ska presso il Quartier Generale Ska. L’originale si trova presso il Foreign, Commonwealth and Development Office del Regno Unito, depositario della Convenzione. Crediti: Ska Organization.

Mercoledì 16 dicembre 2020, Londra, Regno UnitoIl Regno Unito, sede del quartier generale dello Square Kilometre Array (Ska), ha appena ratificato la Convenzione per la creazione dell’Osservatorio Ska (Skao), completando il processo necessario per sua creazione formale.

Skao è l’organizzazione intergovernativa, istituita su trattato, responsabile della costruzione e del funzionamento dei telescopi Ska in Australia e in Sud Africa, che insieme formeranno il più grande radiotelescopio del mondo e permetteranno agli scienziati di studiare l’Universo in modo più dettagliato che mai.  Il progetto è stato guidato dalla Ska Organization con sede vicino a Manchester (Regno Unito) e sostenuto da più di 1.000 ingegneri e scienziati di 20 paesi nel mondo.

La Convenzione stabilisce che almeno cinque nazioni, compresi i tre paesi ospitanti – Australia, Sudafrica e Regno Unito – debbano ratificare il testo affinché entri in vigore. La ratifica del Regno Unito, dopo quella degli altri due paesi ospitanti e dei Paesi fondatori Italia, Paesi Bassi e Portogallo, significa quindi che Skao ora può essere istituito formalmente e che si potrà quindi procedere con la costruzione e l’operatività dei radiotelescopi Ska.

La prima riunione del Consiglio di Skao, l’organo direttivo dell’Osservatorio che rappresenta gli Stati membri, è prevista per l’inizio del 2021.

“La ratifica del Regno Unito è una notizia fantastica e significa che Skao può entrare in vigore già a gennaio” – ha detto Prof. Philip Diamond, Direttore Generale di Ska, -“ È stato un viaggio entusiasmante dalla firma della Convenzione a Roma nel marzo 2019ma, dato questo periodo  d’incertezza nel mondo, chiudere l’anno con una nota così positiva e avere i Paesi fondatori dell’Osservatorio che consolidano il loro impegno per Skao è estremamente incoraggiante”.

Il Ministro della Scienza Amanda Solloway afferma: “Lo Square Kilometre Array è uno degli sforzi scientifici più importanti e ambiziosi della nostra generazione e potrebbe aprire opportunità senza precedenti per gli astronomi di tutto il mondo”. “Il Regno Unito è orgogliosamente sede del quartier generale Ska e la pietra miliare di oggi ci porta un passo più vicini alla costruzione di questi sofisticati telescopi che permetteranno ai nostri scienziati di esplorare l’Universo come mai prima d’ora, espandendo la nostra conoscenza dell’astronomia”.

Professor Mark Thomson, presidente esecutivo del Science and Technology Facilities Council (Stfc), ha dichiarato: “Ska è una delle strutture scientifiche internazionali di punta di questa generazione e sono lieto che la ratifica del Trattato da parte del Regno Unito significhi che il lavoro per la costruzione di questa vasta gamma di radiotelescopi possa procedere rapidamente. Questo è un momento estremamente importante ed emozionante per l’astronomia.  Ska ci aiuterà ad indagare alcuni dei temi fondamentali sull’Universo e, dopo questa conferma del sostegno del governo britannico, è ora compito degli scienziati del Regno Unito e di tutto il mondo di fornire tecnologia e competenze vitali per dare vita a Ska”.

SKA condurrà infatti la scienza della trasformazione e contribuirà ad affrontare le lacune fondamentali nella nostra comprensione dell’Universo, tra cui la formazione e l’evoluzione delle galassie, la fisica fondamentale in ambienti estremi e le origini della vita.

Ska nel Regno Unito

Il Regno Unito ospita il Quartier Generale Ska, situato presso lo storico Jodrell Bank Observatory nel Cheshire, vicino a Manchester. L’edificio, inaugurato a luglio 2019, è stato cofinanziato dal Dipartimento del governo britannico per le imprese, l’energia e la strategia industriale attraverso il Stfc, l’Università di Manchester e il Cheshire East Council.

La Jodrell Bank, riconosciuta come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 2019 per i suoi contributi alla radioastronomia, è il fulcro centrale della struttura nazionale britannica e-MERLIN, una rete di sette radiotelescopi diffusa in tutto il Regno Unito (compreso l’iconico Lovell Telescope da 76m di apertura) che insieme forma uno strumento pathfinder Ska.

Gli scienziati con sede presso le istituzioni del Regno Unito costituiscono il 15% dei membri dei gruppi di lavoro scientifici e dei focus groups di Ska e sono stati i maggiori contribuenti dello Ska Science Book pubblicato nel 2015.

Il Regno Unito, supportato da Stfc, ha anche guidato la progettazione e la consegna degli elementi chiave di Ska durante la fase di pre-costruzione dei telescopi attraverso i suoi partner universitari presso le Università di Cambridge, Manchester e Oxford, l’industria britannica e il Daresbury Laboratory di Stfc, il Rutherford Appleton Laboratory e l’Astronomy Technology Centre del Regno Unito.

Ciò comprendeva la guida dei consorzi internazionali di progettazione per l’elaborazione dei dati scientifici e per l’ingegneria dei segnali e del trasporto dati dello SKA. Anche le istituzioni del Regno Unito sono state fortemente coinvolte nell’elemento software Telescope Manager di Ska e nel processo di progettazione delle antenne Ska a bassa frequenza.