Stampa questa pagina

SKA ha passato l’esame generale: si può iniziare a pensare alla costruzione

Dopo sei anni di lavoro che hanno coinvolto centinaia di ingegneri e scienziati in 20 paesi e quasi 300 istituzioni in tutto il mondo, la progettazione complessiva di SKA, il preventivo dei costi e la pianificazione delle varie fasi sono stati approvati da un comitato di esperti appartenenti ad alcune delle più grandi strutture di ricerca astronomica del mondo: ESO, NRAO, LSST, Osservatorio Gemini, National Science Foundation e Università di Berkeley e Caltech.

“È davvero notevole, guardando indietro, tutto il lavoro che è stato realizzato negli ultimi anni”, ha detto il Dr. Adrian Russell, Presidente del Comitato di Revisione dell’ESO “Quest’anno in particolare, il progetto SKA sta davvero giungendo a maturità. ”

Nel novembre 2013 sono stati creati 12 consorzi internazionali con il compito di lavorare al design ingegneristico di SKA, sia nella progettazione e sviluppo della strumentazione più basilare che avanzata. Alla fine del 2018 e del 2019, è iniziato il processo di revisione (Critical Design Review CDR) del design proposto, per verificare che esso possedesse alcuni requisiti ingegneristici prima dell’approvazione.

“È stato fatto un lavoro straordinario per arrivare al punto di poter procedere con la costruzione vera e propria”, ha detto la Dott.ssa Alison Peck, membro del Comitato di Revisione dell’Osservatorio Gemini.

Negli anni, molti team internazionali sono stati impegnati nella costruzione e nel collaudo di prototipi delle antenne SKA nei siti in Sud Africa e in Australia. Da queste “prove generali” sono state apprese lezioni che permettono di perfezionare tuttora il design delle antenne.

“Il lavoro di squadra è stato davvero eccezionale e non parlo solo del personale del Quartier Generale SKA, ma anche di quello di tutti i paesi membri”, ha detto il Dr. Joe McMullin, Direttore del Programma e Vice Direttore Generale di SKA. “Questo passo rappresenta davvero la pietra miliare del 2020. Questo è l’anno in cui possiamo cominciare a progettare la costruzione”.